Andamento degli affari

Il risultato positivo è da attribuire principalmente all'ottimo andamento dell'attività bancaria operativa. Grazie alla crescita di tutti i ricavi / proventi, i ricavi d'esercizio sono aumentati di CHF 93 milioni, attestandosi a CHF 3'108 milioni. Sono stati ottenuti forti incrementi sia per i prestiti (+ CHF 7.0 miliardi) sia per i depositi della clientela (+ CHF 8.0 miliardi).

Nonostante il difficile contesto politico ed economico, Raiffeisen è di nuovo riuscita ad affermarsi sul mercato.

I costi d'esercizio sono aumentati di CHF 100 milioni (+ 5.3 per cento), raggiungendo CHF 1'988 milioni. Nell'esercizio in rassegna Raiffeisen ha investito nell'infrastruttura e in progetti informatici, creando una premessa essenziale per un settore retail rivolto al futuro. Ne fa parte la realizzazione del nuovo sistema bancario core per le Banche Raiffeisen e per Notenstein La Roche Banca Privata SA. Si è proseguito anche con l'ampliamento del settore clientela aziendale, con l'apertura tra l'altro di un ulteriore Centro Imprenditoriale Raiffeisen (CIR) ad Aarau Ovest. Dalla classificazione come Banca rilevante per il sistema derivano requisiti specifici, la cui attuazione è molto costosa. Inoltre la controversia fiscale statunitense, conclusasi positivamente, ha determinato costi elevati che, sull'arco di quattro anni, sono risultati essere di oltre CHF 30 milioni.

Come spiegato nel precedente capitolo, sono soprattutto i progetti per il rinnovo del sistema bancario core ad aver provocato elevati ulteriori costi d'esercizio. I costi del progetto sono stati registrati all'attivo nella posizione «Altri proventi ordinari», determinando un forte aumento di questa posizione di CHF 60 milioni, ovvero del 100.9 per cento. Nel complesso, il rinnovo del sistema bancario core ha quindi avuto un effetto neutro sul risultato. Solo dopo l'implementazione, i costi del progetto avranno effetto sull'utile del Gruppo, sotto forma di maggiori ammortamenti su un periodo di dieci anni.

La crescita qualitativa nelle operazioni nazionali di risparmio e ipotecarie ha determinato un forte aumento delle rispettive posizioni di bilancio, contribuendo a compensare l'erosione dei margini nelle operazioni con differenza d'interesse. La diversificazione dei campi di attività è stata ulteriormente portata avanti tramite iniziative di crescita; essa è però connessa con sforzi finanziari. La vendita di Vescore SA a Vontobel alla fine del terzo trimestre ha dato un nuovo orientamento al campo di attività asset management. A breve termine, questa decisione ha provocato una diminuzione dei patrimoni gestiti di CHF 14 miliardi, ma anche un risultato da alienazione di CHF 64 milioni, compreso nella voce «Ricavi straordinari».

Margine d'interesse

Oltre al rinnovo del sistema bancario core e alla vendita di Vescore SA, con la rettifica di valore sulla partecipazione a Leonteq AG un ulteriore importante fattore ha influito sul conto economico del Gruppo Raiffeisen. Le azioni di Leonteq AG hanno subito forti perdite di corso in borsa. Sulla base della valutazione periodica della partecipazione (impairment test), su questo investimento orientato sul lungo periodo, Raiffeisen ha contabilizzato rettifiche di valore per complessivi CHF 69 milioni. La valutazione è stata basata su opinioni di analisti e sulla propria stima del valore effettivo. La posizione «Rettifiche di valore su partecipazioni nonché ammortamenti su immobilizzazioni materiali e valori immateriali» ha quindi registrato un forte aumento di CHF 79 milioni. A questo sviluppo negativo si contrappone l'ottimo andamento della cooperazione con Leonteq nel settore dei prodotti strutturati. Il volume dei prodotti strutturati è aumentato nel corso del 2016 a quasi CHF 3.5 miliardi.

Nel complesso il Gruppo Raiffeisen ha ottenuto il terzo utile più elevato della sua storia. Tutti i ricavi / proventi sono aumentati. La rettifica di valore sulla partecipazione a Leonteq ha però provocato, assieme al forte aumento dei costi d'esercizio, un calo di CHF 89 milioni rispetto all'anno precedente nel risultato d'esercizio, che è così ammontato a CHF 855 milioni. Inoltre, con la vendita di Vescore SA, il Gruppo ha beneficiato di un effetto positivo, che si è riflesso in un forte ricavo straordinario. In definitiva si registra un utile del Gruppo di CHF 754 milioni, inferiore di CHF 54 milioni al risultato record dell'esercizio precedente.

Andamento dei ricavi / proventi

Andamento del Cost Income Ratio

Dopo la data di chiusura del bilancio non si sono verificati eventi con effetto importante sul risultato d'esercizio. Le spiegazioni sul perimetro di consolidamento e sui principi di consolidamento sono disponibili nei capitoli «Corporate governance» e «Allegato al rendiconto annuale consolidato».