Bilancio

Il totale di bilancio è aumentato di CHF 12.8 miliardi, attestandosi a CHF 218.6 miliardi. La crescita è stata alimentata dal forte aumento delle posizioni cliente nel settore retail e dalla costituzione di posizioni interbancarie nell'ambito della gestione tattica della liquidità. La crescita è inferiore a quella dell'esercizio precedente, poiché la Tesoreria, nel 2015, aveva effettuato maggiori riposizionamenti in considerazione dell'inasprimento dei requisiti di liquidità.

Crediti / Impegni nei confronti di banche

Come già menzionato, le due voci sono state fortemente incrementate nell'ambito della gestione tattica della liquidità. I crediti nei confronti di banche sono aumentati di CHF 3.3 miliardi, attestandosi a CHF 7.1 miliardi. Anche gli impegni nei confronti di banche hanno registrato un aumento quasi altrettanto forte di CHF 3.0 miliardi, raggiungendo CHF 10.9 miliardi.

Crediti e impegni risultanti da operazioni di finanziamento di titoli

Con un volume di CHF 338 milioni, i crediti risultanti da operazioni di finanziamento di titoli si collocano a un valore molto basso. Gli impegni risultanti da operazioni di finanziamento di titoli sono diminuiti di CHF 1.5 miliardi a CHF 2.6 miliardi; questi vengono contrattati su durate molto brevi.

Prestiti alla clientela

L'andamento delle operazioni ipotecarie di Raiffeisen è stato di alto livello. I crediti ipotecari sono aumentati di CHF 6.8 miliardi, attestandosi a CHF 165 miliardi (+4.3 per cento, esercizio precedente +5.2 per cento). Si è avuta conferma del fatto che la crescita nel mercato degli immobili a uso abitativo ha perso un po' di slancio rispetto agli anni precedenti. La crescita del Gruppo continua comunque a essere superiore al generale sviluppo del mercato. La quota di mercato delle ipoteche nazionali è aumentata al 17.2 per cento (esercizio precedente 16.9 per cento).

La crescita superiore alla media dei crediti ipotecari nelle proprietà di abitazione private è stata ottenuta nell'ambito di una politica creditizia estremamente prudente. Il portafoglio ipotecario di Raiffeisen comprende circa 500'000 crediti ripartiti in tutta la Svizzera ed è quindi molto diversificato. L'anticipo medio della consistenza ipotecaria si attesta stabilmente al 60 per cento. Anche nei nuovi affari, con il 65 per cento, il valore non è molto più elevato. Il cliente Raiffeisen medio possiede generalmente solo un'ipoteca di primo rango. Con CHF 224 milioni le rettifiche di valore per rischi di perdita sono rimaste al livello dell'esercizio precedente (CHF 223 milioni). La quota delle rettifiche di valore in rapporto ai prestiti è diminuita allo 0.129 per cento (esercizio precedente 0.134 per cento).

Attività di negoziazione

Con CHF 2.9 miliardi la consistenza delle attività di negoziazione (allegato 3.1) supera di CHF 797 milioni il valore dell'esercizio precedente. La consistenza dei titoli di debito è stata fortemente incrementata. Questa categoria contiene una notevole consistenza di obbligazioni, con le quali viene coperto il rischio su interessi delle componenti obbligazionarie dei prodotti strutturati. Per le altre categorie è stata effettuata una leggera riduzione. I requisiti in materia di fondi propri per i rischi di mercato nel trading book sono illustrati nel capitolo Categoria di rischio.

Immobilizzazioni finanziarie

La consistenza titoli nelle immobilizzazioni finanziarie (allegati 5.1 e 5.2) contiene prevalentemente obbligazioni di prim'ordine. La gestione avviene in base ai requisiti legali di liquidità e agli obiettivi di liquidità interni. La consistenza è aumentata di CHF 1.1 miliardi, attestandosi a CHF 8 miliardi.

Partecipazioni non consolidate

Il valore contabile delle partecipazioni non consolidate (allegato 6) è aumentato di CHF 56 milioni, raggiungendo CHF 788 milioni. A seguito dell'aumento di capitale presso la banca delle obbligazioni fondiarie, deciso a maggio, la quota di partecipazione del Gruppo è aumentata di CHF 27 milioni. Inoltre Raiffeisen ha acquisito una quota di partecipazione in Twint SA per CHF 5 milioni. Le partecipazioni valutate secondo il metodo dell'equivalenza (equity method) sono state rivalutate di CHF 21 milioni. Per motivi operativi e di politica aziendale, il Gruppo Raiffeisen detiene ulteriori partecipazioni con un'esigua quota di capitale e diritti di voto.

Immobilizzazioni materiali

Il valore contabile delle immobilizzazioni materiali (allegato 8) ha registrato un aumento di CHF 124 milioni, attestandosi a CHF 2.6 miliardi. Questo aumento è principalmente dovuto alla registrazione all'attivo delle spese di progetto per il futuro sistema bancario core, pari a CHF 111 milioni. L'elevato volume di costruzioni ha inoltre determinato un consistente aumento del valore contabile degli stabili della Banca (+ CHF 30 milioni).

Valori immateriali

Nella direzione opposta si è sviluppata la posizione Valori immateriali, che è diminuita complessivamente di CHF 93 milioni, attestandosi a CHF 419 milioni, principalmente a causa della rettifica di valore sul goodwill della partecipazione a Leonteq AG. Con la vendita di Vescore SA, il goodwill rimasto per le società di asset management nel 2016 è uscito dal bilancio. A causa degli accordi contrattuali è aumentato il goodwill per Investnet Holding AG. In questo gruppo sono riunite le attività del settore Partecipazioni investitori nelle PMI.

Impegni risultanti da depositi della clientela

Con quasi CHF 8 miliardi, ovvero il 5.3 per cento, i depositi della clientela hanno registrato un forte aumento a CHF 158.3 miliardi. Rispetto all'esercizio precedente questo è un ottimo risultato. Nel 2015, CHF 1.1 miliardi della crescita di complessivi CHF 8.7 miliardi erano da attribuire all'acquisto della Bank La Roche & Co. Il Gruppo ha guadagnato quote di mercato anche nel settore dei depositi della clientela. L'incremento è avvenuto in tutta la Svizzera, ma soprattutto nelle regioni urbane. Il rapporto tra fondi della clientela (incluse le obbligazioni di cassa) e prestiti alla clientela è aumentato al 91.9 per cento, risultato che rappresenta un confortevole rapporto di rifinanziamento.

Impegni da altri strumenti finanziari con valutazione fair value

In questa voce sono contenuti i prodotti strutturati emessi dalla società affiliata di Notenstein, Notenstein Finance (Guernsey) Ltd, e dalla società affiliata recentemente costituita da Raiffeisen Svizzera, Raiffeisen Switzerland B.V. Amsterdam (allegato 13). L'emissione di soluzioni d'investimento strutturate, effettuata per la prima volta a marzo 2013, si è dimostrata valida. La consistenza ha registrato di nuovo un forte aumento, di CHF 764 milioni, attestandosi a CHF 1'634 milioni.

Prestiti obbligazionari e mutui in obbligazioni fondiarie

La consistenza di prestiti obbligazionari e mutui in obbligazioni fondiarie (allegato 14) è aumentata di CHF 2.2 miliardi, raggiungendo CHF 25.6 miliardi. Come importante elemento per la gestione delle scadenze sul passivo e come integrazione al rifinanziamento della crescita dei prestiti alla clientela, il volume dei mutui in obbligazioni fondiarie è aumentato di CHF 1.6 miliardi, attestandosi a CHF 20.1 miliardi. I prestiti obbligazionari di Raiffeisen Svizzera sono leggermente aumentati di CHF 120 milioni, raggiungendo CHF 3.9 miliardi. Un consistente prestito obbligazionario del 2006 in scadenza è stato sostituito senza problemi da nuove emissioni nel 2016. I prestiti obbligazionari emessi da Notenstein La Roche Banca Privata SA, relativi all'emissione di prodotti strutturati, sono aumentati di CHF 408 milioni, attestandosi a CHF 1.7 miliardi.

Accantonamenti

Gli accantonamenti (allegato 15) sono aumentati di CHF 26 milioni, raggiungendo CHF 903 milioni. La parte più consistente dell'aumento è dovuta alla nuova costituzione di accantonamenti per imposte differite, che, con CHF 851 milioni, costituiscono di gran lunga anche la più grande categoria di accantonamenti. Nello scorso esercizio sono stati costituiti accantonamenti per ristrutturazioni pari a CHF 12 milioni, di cui una parte è stata costituita in relazione alla vendita di Vescore SA. Le altre categorie di accantonamenti non hanno praticamente subito variazioni. Dopo la positiva chiusura della controversia fiscale statunitense a dicembre 2016, in questo contesto non sussistono più accantonamenti per costi correnti di avvocati e altri costi di consulenza, per quanto nemmeno negli anni precedenti non fossero stati costituiti accantonamenti per eventuali sanzioni pecuniarie.

Fondi propri / capitale proprio

Il Gruppo Raiffeisen supera nettamente gli attuali requisiti in materia di fondi propri legati alla rilevanza sistemica. La quota dei fondi propri complessivi ammonta al 17.0 per cento, i requisiti specifici per il Gruppo al 14.4 per cento. Possiamo soddisfare completamente gli attuali requisiti con il capitale CET1 (fondi propri di base di qualità primaria), ossia la categoria di capitale qualitativamente migliore. Tuttavia, finora sono noti solo i requisiti per il caso di prosecuzione (going concern). Gli ulteriori requisiti per il caso di risanamento e liquidazione (gone concern) saranno resi noti dal Consiglio federale solo quest'anno. Con il 6.84 per cento, il Gruppo è nettamente al di sopra anche dei requisiti non ponderati del leverage ratio pari al 4.625 per cento.

Il capitale proprio con quote minoritarie (prospetto delle variazioni del capitale proprio e allegato 16) è aumentato di CHF 1.1 miliardi, portandosi a CHF 14.4 miliardi. Oltre alla capitalizzazione degli utili, ha contribuito all'aumento la sottoscrizione di ulteriori quote sociali. Il capitale sociale ulteriormente sottoscritto è aumentato di CHF 343 milioni.