Conto economico

Ricavi da attività bancaria operativa

Tutti i ricavi / proventi sono aumentati rispetto all'esercizio precedente. La continua crescita nelle attività operative ha provocato soprattutto un incremento del risultato da interessi e da attività di negoziazione. I ricavi d'esercizio sono aumentati complessivamente di CHF 93 milioni, ovvero del 3.1 per cento, e con CHF 3'108 milioni hanno raggiunto il valore più elevato della storia di Raiffeisen.

In un difficile contesto dei tassi, il risultato lordo da operazioni su interessi è aumentato di CHF 42 milioni (+1.9 per cento), attestandosi a CHF 2'230 milioni. L'incremento è dovuto alla forte crescita nelle operazioni per conto dei clienti, poiché, con l'1.06 per cento, il margine d'interesse è di 6 punti base inferiore al valore dell'esercizio precedente. Soprattutto il margine d'interesse sui prodotti a interessi passivi si è trovato sotto forte pressione a seguito della struttura dei tassi. I costi di copertura sono stati leggermente ridotti, ma sono rimasti a un livello elevato. I tassi negativi della BNS hanno influito sull'attività Raiffeisen anche nello scorso esercizio. Se da un lato si sono dovuti parzialmente applicare dei tassi negativi per i grandi clienti, alla clientela privata, una volta ancora, non sono stati addebitati tassi negativi.

Con CHF 10 milioni, le variazioni per le rettifiche di valore da rischi di credito e le perdite dalle operazioni su interessi sono rimaste al livello dell'esercizio precedente. Il risultato netto da operazioni su interessi è ammontato a CHF 2'219 milioni.

Con CHF 467 milioni (+0.9 per cento), il risultato da operazioni su commissione e da prestazioni di servizio (allegato 22) ha registrato un leggero incremento. I ricavi dalle operazioni in titoli e d'investimento sono leggermente diminuiti, attestandosi a CHF 356 milioni. Soprattutto nel quarto trimestre si è riscontrata una chiara prudenza da parte dei clienti. Sia le commissioni dipendenti dalle consistenze sia i proventi da provvigioni di borsa sono diminuiti. Questo calo non è stato compensato dall'aumento dei ricavi da operazioni di emissione e di consulenza. Gli oneri per commissioni sono aumentati di CHF 5 milioni, portandosi a CHF 121 milioni. Il continuo aumento dei volumi, soprattutto nel traffico dei pagamenti, ha invece determinato una crescita dei ricavi delle altre prestazioni di servizio di CHF 11 milioni a CHF 214 milioni. Grazie a questo andamento è stato possibile aumentare complessivamente i proventi da commissioni nonostante il calo nelle attività di negoziazione titoli e d'investimento.

Il risultato da attività di negoziazione (allegato 23.1 / 23.2) ha registrato un incremento di CHF 19 milioni (+8.9 per cento), attestandosi a CHF 228 milioni. La crescita è stata ottenuta nella negoziazione di metalli preziosi e banconote ma soprattutto nella negoziazione con prodotti fruttiferi. A causa dell'andamento del mercato, la negoziazione di azioni ha invece registrato una leggera perdita.

Altrettanto forte è stata la crescita negli «altri risultati ordinari» con CHF 27 milioni (+16.3 per cento) a CHF 194 milioni. L'aumento è dovuto soprattutto alla registrazione all'attivo dei costi relativi alla realizzazione del futuro sistema bancario core. L'importo della registrazione all'attivo (allegato 8) è ammontato nell'esercizio scorso a CHF 111 milioni (esercizio precedente CHF 54 milioni), determinando un aumento della posizione «altri proventi ordinari» di CHF 60 milioni. Le due voci di ricavo «Risultato da alienazioni di immobilizzazioni finanziarie» e «Proventi da partecipazioni» sono invece nettamente diminuite rispettivamente di CHF 15 e 13 milioni, poiché entrambe le posizioni, nell'esercizio precedente, contenevano ancora effetti straordinari. Per le immobilizzazioni finanziarie, nell'esercizio precedente il cambio del metodo di valutazione ha avuto un effetto positivo. I proventi da partecipazioni nell'esercizio precedente contenevano un dividendo straordinario di SIX Group SA. A seguito di adeguamenti del valore delle immobilizzazioni finanziarie, dovuti al mercato, gli altri oneri ordinari sono aumentati di CHF 7 milioni.

Costi d'esercizio

Lo scorso esercizio i costi sono aumentati leggermente più dei ricavi. L'incremento di CHF 100 milioni (+5.3 per cento) a CHF 1'988 milioni è dovuto, come già spiegato, ai costi di sviluppo per il nuovo sistema bancario core, alle iniziative di digitalizzazione e ad altri importanti progetti in ambito normativo. Gli elevati costi in questi settori hanno provocato un aumento del rapporto costi / ricavi dal 62.6 al 63.9 per cento. Raiffeisen prevede che solo dopo l'implementazione del nuovo sistema bancario core si potrà raggiungere una ripresa duratura di questo indice.

Costi per il personale

I costi per il personale (allegato 26) hanno raggiunto CHF 1'381 milioni, registrando un incremento di CHF 51 milioni, ovvero del 3.9 per cento, dovuto a generali adeguamenti salariali e ai citati lavori di progetto. In alcuni settori, nonostante il massiccio impiego di personale specializzato per l'attività progettuale, è stato occupato personale temporaneo per garantire l'attività giornaliera. Va anche detto che i costi per il personale relativi ai collaboratori acquisiti della Bank La Roche & Co dell'esercizio precedente riguardavano solo l'ultimo trimestre. A seguito della vendita di Vescore SA nel terzo trimestre, con 9'276 posti a tempo pieno, l'effettivo del Gruppo nell'esercizio in rassegna è stato leggermente inferiore al valore dell'esercizio precedente (esercizio precedente: 9'286 posti a tempo pieno). Nel settore retail (Banche Raiffeisen e succursali di Raiffeisen Svizzera) l'incremento è stato di 114 posti a tempo pieno.

Andamento dei costi per il personale e relativa entità per unità di personale

Altri costi d'esercizio

Una parte consistente del forte aumento degli altri costi d'esercizio (allegato 27) di CHF 49 milioni, ovvero dell'8.8 per cento, a CHF 606 milioni è da attribuire alle ulteriori attività citate. Le spese per i locali sono aumentate di CHF 3 milioni, una conseguenza delle ottimizzazioni dei canali di distribuzione fisici, che, nonostante la digitalizzazione, continuano a svolgere un ruolo importante. Le spese per l'IT sono aumentate di CHF 18 milioni a seguito delle ampie attività di progetto. Oltre al sistema bancario core anche diversi progetti nel settore della digitalizzazione hanno determinato un aumento dei costi. Gli altri costi d'esercizio sono aumentati di CHF 26 milioni soprattutto a causa dell'aumento dei costi di consulenza. Qui, oltre ai servizi di supporto per il sistema bancario core, hanno inciso soprattutto gli ingenti costi di consulenza relativi all'andamento della controversia fiscale statunitense. Hanno comportato costi molto elevati anche gli ampi lavori per l'elaborazione dei piani d'emergenza per le banche rilevanti per il sistema, come Raiffeisen.

Investimenti in immobilizzi del Gruppo Raiffeisen 2012 – 2016 a seconda delle categorie

(Investimenti netti, in milioni di CHF)

2012

2013

2014

2015

2016

Stabili a uso della Banca

176

89

56

92

83

Altri immobili

20

2

2

2

8

Riattazioni e trasformazioni in locali di terzi

11

19

18

17

15

Informatica: hardware

17

19

13

22

17

Informatica: software

20

11

34

65

129

Bancomat

6

9

8

4

7

Mobilio

9

5

3

5

5

Installazioni

7

11

4

3

5

Macchine da ufficio, veicoli, dispositivi di sicurezza

6

9

5

7

7

Totale investimenti netti

272

174

143

217

276

Investimenti in immobilizzi del Gruppo Raiffeisen 2012 – 2016 a seconda delle regioni

(Investimenti netti, in milioni di CHF)

2012

2013

2014

2015

2016

Regione lemanica

15

15

18

21

15

Regione Mittelland

43

28

17

29

32

Svizzera nord-occidentale e Zurigo

30

26

24

21

35

Svizzera orientale*

153

82

65

124

168

Svizzera centrale

19

11

12

7

16

Ticino

12

12

7

15

10

Totale

272

174

143

217

276

* inclusi investimenti centrali di Raiffeisen Svizzera

Rettifiche di valore su partecipazioni nonché ammortamenti su immobilizzazioni materiali e valori immateriali

Le rettifiche di valore sulla partecipazione a Leonteq e il maggiore fabbisogno di ammortamenti per le immobilizzazioni materiali hanno determinato un forte aumento di questa posizione (allegati 8 e 9). L'incremento è stato di CHF 79 milioni (+43.5 per cento) a CHF 260 milioni. A seguito del forte andamento ribassista del corso delle sue azioni negli ultimi mesi e del crollo dell'utile di esercizio 2016, Raiffeisen ha effettuato sulla partecipazione a Leonteq rettifiche di valore per complessivi CHF 69 milioni. Gli ammortamenti ordinari sul goodwill sono ammontati a CHF 42 milioni. A differenza degli esercizi precedenti, gli ammortamenti sulle immobilizzazioni materiali sono di nuovo aumentate. Il fabbisogno di ammortamento è cresciuto di CHF 11 milioni a CHF 152 milioni.

Variazioni di accantonamenti e altre rettifiche di valore nonché perdite

Questa posizione (allegato 15), con CHF 6 milioni, è risultata leggermente superiore al valore dell'esercizio precedente di CHF 4 milioni. Le perdite non derivanti da operazioni di credito sono ammontate a CHF 1.5 milioni. Le nuove costituzioni nette per accantonamenti, contabilizzate in questa posizione, sono state pari a CHF 4.5 milioni.

Ricavi e costi straordinari

I ricavi straordinari di CHF 75 milioni (allegato 28) comprendono, oltre agli utili da alienazione derivanti dalla vendita di immobilizzazioni materiali e partecipazioni, un utile di CHF 64 milioni determinato dalla vendita di Vescore SA. Tra i costi straordinari di CHF 4 milioni sono incluse in particolare le perdite dovute all'alienazione di immobilizzazioni materiali.