90’220

90’220 franchi per una casa maternità

In un palazzo nel cuore di Montreux si trova la prima casa maternità della regione. Il progetto stava per andare in fumo, ma le tre ideatrici hanno lottato fino alla fine per realizzare il loro sogno.

Aiutare i bambini a venire al mondo è la loro passione: Céline Hertzeisen Schumann, Saskia Grossfeld e Julie Caron sono ostetriche per passione. Il loro sogno: una casa maternità per la regione di Montreux. La prima, poiché finora le future mamme che non volevano partorire in un ospedale o a casa, dovevano recarsi fino ad Aigle, a circa dieci minuti di macchina da Montreux.

Cercando un posto adatto, le tre signore si sono imbattute in uno spazio con tre locali all'interno di un palazzo nel centro di Montreux. Tuttavia le stanze erano in pessimo stato. Un architetto ha allestito un preventivo delle spese di ristrutturazione: 70'000 franchi. Le signore si sono spaventate quando hanno sentito la cifra. «Non avevamo tutti questi soldi.» Il loro sogno sembrava stesse per andare in fumo.

Ma le tre colleghe non si sono lasciate prendere dallo sconforto. Sono stati dei conoscenti a parlare loro dell'iniziativa di crowdfunding. Hanno fatto pubblicità sui social, hanno dato interviste nei media locali e hanno scritto ai potenziali sponsor. Il loro sforzo è stato premiato: dopo 90 giorni avevano raccolto 90'000 franchi. «Non avremmo mai pensato di potercela fare così velocemente», racconta Céline Hertzeisen Schumann. «Finalmente il nostro sogno diventa realtà.»

Trovate tutta la storia su eroilocali.ch/casa-maternita.

Fotografie: Anna-Tina Eberhard