Previsione finanziaria 2019

Contesto di mercato e condizioni quadro

Nel 2018 l'economia svizzera ha avuto un andamento positivo. A seguito dell'ampio supporto (consumo, investimenti, esportazioni) e della forte congiuntura globale, soprattutto nel primo semestre, il prodotto interno lordo ha registrato una crescita del 2.5 per cento circa. Il 2018 è stato quindi per la Svizzera l'anno di maggiore crescita dal 2010, con conseguenti effetti benefici anche sull'occupazione. Per il 2019 Raiffeisen prevede un rallentamento della crescita nazionale all'1.2 per cento circa, principalmente a causa della perdita di velocità della congiuntura internazionale. Inoltre, le incertezze geopolitiche pesano sulle prospettive dell'anno in corso.

Per il 2019 Raiffeisen prevede tassi ancora negativi, dato che, soprattutto a causa dell'assenza di pressione inflazionistica, anche quest'anno né la Banca Centrale Europea (BCE) né la Banca nazionale svizzera (BNS) dovrebbero intervenire sui tassi. Si intravede, però, una lenta normalizzazione dei tassi a medio termine, seppur estremamente moderata. Sul mercato immobiliare si sta indebolendo l'effetto positivo prodotto da tassi in costante calo. Nonostante l'alto livello dei prezzi degli immobili, la proprietà conserva la sua attrattiva grazie ai tassi bassi previsti e agli affitti elevati. Inoltre la domanda e l'offerta di proprietà non hanno finora avuto uno sviluppo divergente, contrariamente a quanto accaduto nel segmento degli oggetti di reddito, la cui quota di sfitti è salita nel frattempo all'1.6 per cento circa. In generale Raiffeisen prevede un rallentamento della crescita dei prezzi per gli immobili e un consolidamento a un livello elevato.

Andamento degli affari del Gruppo Raiffeisen

La pressione sui margini continuerà a caratterizzare il mercato bancario svizzero. Nonostante il contesto particolarmente difficile, Raiffeisen si aspetta per il 2019 una crescita moderata del volume e dei ricavi nel core business. I prestiti alla clientela dovrebbero ottenere risultati simili al 2018 mentre per i depositi della clientela si prevede un aumento più considerevole. I proventi da operazioni su interessi e quelli da operazioni su commissione e da prestazioni di servizio dovrebbero quindi poter essere caratterizzati da un lieve incremento per le Banche Raiffeisen e Raiffeisen Svizzera.