«Raiffeisen è e rimane la Banca più incentrata sul cliente»

Thomas A. Müller, Presidente del Consiglio di amministrazione di Raiffeisen Svizzera e Heinz Huber, Presidente della Direzione di Raiffeisen Svizzera, ripercorrono insieme l'anno trascorso e danno uno sguardo al futuro.
Signor Müller, lei è diventato Presidente del Consiglio di amministrazione di Raiffeisen Svizzera nel dicembre 2021. Quali obiettivi si pone per il suo primo anno in carica?
Thomas A. Müller: Attraverso la Strategia del Gruppo 2025, Raiffeisen ha delineato la via da seguire nei prossimi anni. Ho partecipato fin dall'inizio a questo processo strategico. Continueremo a percorrere questa strada. Per riuscire a concentrarci sui nostri obiettivi, abbiamo bisogno di continuità e stabilità. Tuttavia ci rendiamo conto che operiamo in un contesto estremamente dinamico, in cui è richiesta ampiezza di vedute e capacità di adattamento. Il Consiglio di amministrazione deve mantenere un equilibrio tra questi due estremi: abbiamo creato le condizioni per permettere al nostro Gruppo di lavorare con prudenza e responsabilità.
Signor Huber, Raiffeisen ha realizzato gli obiettivi posti per il 2021?
Heinz Huber: Siamo molto soddisfatti. Nell'ultimo esercizio il nostro Gruppo ha raggiunto ottimi risultati sia a livello operativo che strategico. Le Banche Raiffeisen e Raiffeisen Svizzera hanno conseguito insieme un risultato eccellente e ricavi in crescita. Ne andiamo giustamente fieri ed entro il 2025 al più tardi vogliamo offrire ai nostri clienti sempre più soluzioni globali piuttosto che semplici prodotti. Da quando abbiamo cominciato a dare attuazione alla Strategia del Gruppo nel gennaio 2021, ci siamo avvicinati di molto a questa nostra visione. I primi risultati sono già visibili.
Può darci qualche esempio concreto di risultato visibile?
Heinz Huber: Per realizzare una strategia ci vuole determinazione, resistenza e spirito di squadra – qualità che possediamo. Abbiamo diversificato ulteriormente il modello aziendale. Siamo riusciti ad ampliare notevolmente l'attività di previdenza e investimento, orientandola sempre di più verso la sostenibilità. In collaborazione con la Mobiliare abbiamo sviluppato l'ecosistema Abitazione con la piattaforma per i proprietari di abitazione «Liiva». Abbiamo introdotto anche diverse offerte digitali come il pilastro 3a digitale e Raiffeisen PMI eServices, la soluzione multibanking per la clientela aziendale. Inoltre sono state poste le basi per lo sviluppo del Portale esperienza cliente. In altre parole, abbiamo creato le condizioni per rendere ancora più digitale il Gruppo.

«Raiffeisen ha delineato la via da seguire nei prossimi anni.»

Thomas A. Müller

Presidente del Consiglio di amministrazione di Raiffeisen Svizzera

Interview_Huber_01_DT

«Per realizzare una strategia ci vuole determinazione, resistenza e spirito di squadra – qualità che possediamo.»

Heinz Huber

Presidente della Direzione Raiffeisen Svizzera

La digitalizzazione è un pilastro centrale della nuova strategia. Raiffeisen si può già definire una Banca digitale?
Heinz Huber: Raiffeisen è e rimane la Banca più incentrata sul cliente. Porteremo avanti la digitalizzazione anche nei prossimi esercizi, ma non digitalizzeremo tutto ciò che può essere digitalizzato. Ci orienteremo sempre in base alle esigenze dei nostri clienti. La chiave per il futuro risiede in una combinazione intelligente di vicinanza fisica e prossimità digitale. Raiffeisen vuole conciliare con profitto il fattore umano e il progresso tecnologico. Questo sarà uno dei temi a cui lavoreremo intensamente anche nel 2022.
Come si articolerà l'attuazione della strategia nel 2022?
Heinz Huber: L'anno scorso abbiamo lavorato per diversificare il modello aziendale, mentre il 2022 sarà dedicato a ottimizzarlo. Vogliamo migliorare i processi per essere più efficienti. Lo scopo è alleggerire il carico che grava sui collaboratori delle Banche Raiffeisen, affinché abbiano più tempo da dedicare all'attività di consulenza individuale. Svilupperemo anche il nuovo Portale esperienza cliente: in base ai piani, la clientela privata potrà provare una versione preliminare della nuova applicazione entro la fine del 2022. Entro la fine del 2025 il portale dovrà includere tutti i servizi digitali di Raiffeisen, che saranno così accessibili in maniera centralizzata in un unico luogo e con un solo login.
Come procede l'attuazione della strategia presso le Banche Raiffeisen?

Thomas A. Müller: Le Banche Raiffeisen sono autonome e perseguono strategie regionali proprie, che ovviamente sono in sintonia con gli obiettivi comuni della Strategia del Gruppo. Quest'ultima è stata definita in collaborazione con le Banche Raiffeisen, che partecipano alla sua realizzazione. Partecipazione e autonomia regionale con alle spalle la forza del Gruppo: queste sono le caratteristiche che contraddistinguono il nostro modello cooperativo. 

Il modello cooperativo non penalizza forse l'impatto della nuova strategia?
Thomas A. Müller: Al contrario, l'imposizione di una soluzione universale calata dall'alto non sarebbe affatto in linea con il nostro modello e neppure con la nostra tipologia di clientela. Le varie Banche Raiffeisen conoscono la loro regione e le esigenze della loro clientela, e ne tengono conto durante l'attuazione della Strategia del Gruppo. Questo modo di procedere richiede forse più tempo di quello che sarebbe necessario presso altre imprese, ma è più durevole e non ci obbliga a ripensare la nostra strategia anno dopo anno.

«Siamo riusciti a diversificare ulteriormente il nostro modello aziendale.»

Heinz Huber

Presidente della Direzione Raiffeisen Svizzera

Interview_Mueller_02_DT
Interview_Mueller_02_m

«Le persone chiedono partecipazione, vicinanza, valori chiari e sostenibilità.»

Thomas A. Müller

Presidente del Consiglio di amministrazione di Raiffeisen Svizzera

Le cooperative sono ultimamente oggetto di critiche. Pensate che una banca che adotta un modello cooperativo sia ancora al passo con i tempi?
Thomas A. Müller: Ne siamo assolutamente certi. I valori cooperativi di solidarietà, democrazia e liberalità esprimono alla perfezione lo spirito del nostro tempo. Le persone chiedono partecipazione, vicinanza, valori chiari e sostenibilità. Ce lo chiedono anche i clienti di domani e noi siamo in grado di soddisfare queste richieste. Per vivere concretamente i principi cooperativi, ogni socio deve poter esprimere la propria opinione e fare uso del diritto di voto. In tempi di pandemia, non è stato certo facile. La maggior parte delle Assemblee generali non ha potuto essere tenuta in presenza lo scorso anno e i nostri soci hanno esercitato il diritto di voto per corrispondenza o in forma digitale. Sono persuaso che il canale digitale abbia un futuro come modalità di partecipazione alla vita della cooperativa. Ma non può sostituire il dialogo in presenza, lo stare insieme. Dopotutto, la comunità è la base della cooperativa.
Come si differenzia la direzione di una cooperativa dalla gestione di qualsiasi altra organizzazione societaria?
Thomas A. Müller: La politica aziendale di una cooperativa tiene conto degli interessi di tutti gli stakeholder, inclusi ad esempio i clienti, i collaboratori, i fornitori e la collettività. Per questo le cooperative pongono obiettivi più a lungo termine e privilegiano l'economia sostenibile piuttosto che la massimizzazione del profitto. Com'è naturale, anche Raiffeisen si sforza di ottimizzare gli utili, ma questi confluiscono al 95 per cento nelle riserve e contribuiscono così a rendere Raiffeisen una Banca sicura. Un altro tratto distintivo del Gruppo Raiffeisen è la partecipazione. Negli ultimi anni abbiamo modernizzato la nostra cooperativa e rafforzato notevolmente i processi partecipativi. A livello dirigenziale la partecipazione comporta un maggiore sforzo e può rivelarsi anche particolarmente difficile, ma i risultati parlano da sé. Le decisioni sono più trasparenti, sostenibili e condivise.
Quali sono i suoi auspici per il 2022, signor Müller?

Thomas A. Müller: Negli affari, preferisco parlare di obiettivi realizzabili piuttosto che formulare auspici. Sono grato delle numerose opportunità di uno scambio personale che diventa per me fonte di fiducia, ispirazione e motivazione. Vorrei che come Gruppo affrontassimo l’anno con energia e dinamismo. Pronti a creare e cambiare, senza perdere di vista i nostri obiettivi. Farò di tutto per creare le condizioni affinché ciò sia possibile.

Curriculum di Thomas A. Müller 

Curriculum di Heinz Huber 

Potrebbe interessarle anche questo

Eventi rilevanti
Panoramica di tutti gli eventi dell’esercizio in rassegna.
Strumenti digitali e aspetti pratici
Mettiamo in contatto le persone e creiamo un’esperienza cliente unica. Per questo investiamo nello sviluppo dei nostri canali digitali.
La nostra strategia: «Raiffeisen 2025»
Scoprite in che modo Raiffeisen intende trasformarsi da fornitore di prodotti a fornitore di soluzioni.