Risultato

Il Gruppo Raiffeisen ha conseguito un risultato eccellente nel 2021 e realizzato un utile del Gruppo di CHF 1.07 miliardi. L’utile ha superato il risultato dell’esercizio precedente del 24.2 per cento.

Cifre chiave

Cifre chiave

in milioni di CHF, percentuale, numero20202021Variazione in %
Dati di conto economico
Risultato lordo da operazioni su interessi 2'3502'4022.2
Risultato da operazioni su commissione e da prestazioni di servizio45153618.8
Ricavi d'esercizio3'0603'38310.6
Costi d'esercizio1'8171'8954.3
Risultato d’esercizio 9671'26831.1
Utile del Gruppo8611'06924.2
Cost Income Ratio (rapporto costi/ricavi)59.4%56.0%
Dati di bilancio
Totale di bilancio259'653284'4899.6
Prestiti alla clientela200'358206'3553
di cui crediti ipotecari190'317196'3603.2
Depositi della clientela190'425201'7295.9
in % dei prestiti alla clientela95.0%97.8%
Totale del capitale proprio (senza quote minoritarie)18'44419'1794
Fondi propri/liquidità1
Quota CET118.6%20.3%
Quota dei fondi propri di base (going concern)19.6%21.7%
Quota TLAC20.6%23.4%
Leverage ratio TLAC7.3%7.4%
Quota di liquidità (LCR)2159.4%185.4%
Coefficiente di finanziamento (NSFR)3141.5%144.9%
Dati di mercato
Quota di mercato nelle operazioni ipotecarie 17.6%17.6%
Quota di mercato depositi della clientela13.8%14.0%
Numero di clienti3'553'1903'606'5401.5
Numero di soci1'935'7901'963'5931.4
Patrimonio della clientela
Patrimonio della clientela gestito4224'042241'2267.7
Aflusso netto di patrimonio della clientela gestito16'32814'509-11.1
Indici di rischio operazioni di credito
Rettifiche di valore per rischi di perdita261243-7
in % dei prestiti alla clientela0.130%0.118%
Rettifiche di valore per perdite attese (prevenzione dei rischi)5n/a482n/a
Risorse
Numero di collaboratori 11'20711'4652.3
Numero di posti a tempo pieno9'4929'7292.5
Numero di sedi Raiffeisen824820-0.5
1 Secondo il regime della rilevanza sistemica.
2 Con la quota di liquidità (LCR – Liquidity-Coverage-Ratio) si determina se un istituto bancario ha sufficienti mezzi liquidi per coprire il fabbisogno di liquidità con fondi propri su un lasso di tempo di 30 giorni in una situazione d'emergenza. L'LCR mette in rapporto i mezzi liquidi disponibili con il deflusso netto atteso.
3 L'indice di stabilità della raccolta netta NSFR (Net-Stable-Funding-Ratio) è concepito per assicurare un finanziamento sostenibile e stabile delle operazioni attive e fuori bilancio di un istituto bancario. In particolare, limita il rischio che una banca finanzi le sue operazioni di credito con depositi considerati troppo instabili e a breve termine.
4 Il patrimonio della clientela gestito comprende il patrimonio in deposito, impegni risultanti da depositi della clientela e obbligazioni di cassa. Alla voce Impegni risultanti da depositi della clientela sono inclusi anche i fondi della clientela che non presentano carattere d'investimento. Non sono invece inclusi: i depositi fiduciari, le relazioni cliente «custody only» (banche terze e clienti istituzionali per i quali Raiffeisen svolge esclusivamente la funzione di banca depositaria) e i patrimoni di investitori istituzionali qualora l'attività sia costituita da investimenti di liquidità o di pronti contro termine.
Riclassificazioni tra patrimoni gestiti e patrimoni non iscritti (ad esempio «custody only») sono iscritte come variazione di nuovi fondi netti.
5 Ai sensi dell'OAPC-FINMA, dal 1° gennaio 2021 il Gruppo Raiffeisen ha costituito, senza incidenza sul conto economico, rettifiche di valore per rischi di perdita latenti pari a CHF 493,2 milioni. Le variazioni subentrate dopo la prima alimentazione sono state contabilizzate alla posizione del conto economico «Variazioni delle rettifiche di valore condizionate dal rischio di perdita e perdite da operazioni su interessi».

Risultato eccellente

Raiffeisen si lascia alle spalle un esercizio molto positivo: l'utile di CHF 1.07 miliardi eccede nettamente quello dell'esercizio precedente. Gli obiettivi strategici che il Gruppo si era posto per il 2021 sono stati raggiunti. Raiffeisen ha ampliato l'offerta di servizi digitali per la clientela e diversificato il modello aziendale grazie allo sviluppo dell'attività di previdenza e investimento. Il Gruppo ha consolidato il proprio posizionamento forte negli affari con la clientela.
Il volume delle operazioni è cresciuto e la redditività operativa non ha registrato battute d'arresto. I ricavi sono migliorati in tutte le voci di bilancio. Le operazioni su commissione e da prestazioni di servizio hanno registrato un andamento particolarmente positivo, con una crescita di quasi il 20 per cento. I volumi nei depositi dei piani di previdenza e di risparmio in fondi hanno guadagnato quasi il 40 per cento, mentre la crescita dei mandati di gestione patrimoniale ha superato addirittura il 120 per cento. L'elevato afflusso di nuovi fondi netti totali pari a CHF 14.5 miliardi è prova della grande fiducia che i clienti ripongono nelle 219 Banche Raiffeisen. Anche in questo periodo critico e protratto, Raiffeisen si è dimostrata una partner affidabile e ha conseguito un risultato eccellente.

Fiducia elevata dei clienti, crescita continua nel core business

Nell'esercizio 2021 è proseguita la forte crescita del patrimonio clienti, che ha raggiunto CHF 247.1 miliardi con un incremento di CHF 19.3 miliardi (+8.5 per cento). La crescita è stata determinata da due elementi, il primo dei quali è il forte aumento dei depositi della clientela di CHF 11.3 miliardi (+5.9 per cento). Il secondo è il volume dei depositi, che ha raggiunto una consistenza di CHF 45.1 miliardi con un ragguardevole aumento di CHF 8.0 miliardi (+21.7 per cento). Nell'esercizio in rassegna sono stati aperti all'incirca 68'000 nuovi depositi, equivalenti a 268 aperture per giorno lavorativo.
Raiffeisen è soddisfatta dell'elevato numero di nuovi clienti acquisiti (+53'350), che fanno ora parte dei 3.61milioni di clienti totali. Anche il numero dei soci è cresciuto di 27'803 unità è si eleva ora a 1.96 milioni.
La crescita delle operazioni ipotecarie è continuata in linea con lo sviluppo del mercato e le previsioni. I crediti ipotecari sono aumentati di CHF 6.0 miliardi (+3.2 per cento) passando a CHF 196.4 miliardi. Una crescita sana del core business in linea con il mercato è corrispondente alle ambizioni e alla Strategia di Raiffeisen. La contestuale forte crescita nei depositi della clientela ha permesso di migliorare il grado di rifinanziamento dal 95.0 per cento dell'esercizio precedente all'attuale 97.8 per cento. Nell'esercizio in rassegna, il Gruppo Raiffeisen ha potenziato i propri servizi per la proprietà di abitazione privata. In collaborazione con la Mobiliare, il Gruppo ha lanciato nel mese di agosto la piattaforma digitale per i proprietari di abitazione Liiva. Il Gruppo bancario può così soddisfare altre esigenze della clientela connesse con l'acquisto e la modernizzazione della loro proprietà di abitazione. Raiffeisen è inoltre la prima banca svizzera ad avere integrato un pianificatore di modernizzazione nel proprio processo di consulenza. Con questo strumento, Raiffeisen ha allargato le proprie competenze in ambito immobiliare, spingendosi oltre le classiche operazioni ipotecarie.

Sviluppo positivo in tutte le voci di ricavo

L'attività operativa del Gruppo Raiffeisen ha evidenziato un ottimo andamento nell'esercizio 2021, cui hanno contribuito tutte le voci di ricavo. La pressione sulle operazioni su interessi tuttavia non si allenta: il margine d'interesse si è ulteriormente ristretto nell'esercizio in rassegna dallo 0.93 per cento allo 0.89 per cento. Il risultato lordo delle operazioni su interessi è comunque cresciuto di CHF 52.3 milioni (+2.2 per cento), grazie alle operazioni di credito e a una gestione previdente del bilancio. La necessità di rettifiche di valore era lievemente aumentata l'anno precedente a causa delle prospettive economiche incerte, ma la ripresa economica nell'esercizio in rassegna ha permesso di sciogliere rettifiche di valore per rischi di perdita per un importo pari a CHF 12.1 milioni. Il risultato netto da operazioni su interessi è aumentato di CHF 116.9 milioni (+5.1 per cento) rispetto all'esercizio precedente, attestandosi a CHF 2.4 miliardi.
Gli sforzi compiuti dal Gruppo Raiffeisen per diversificare i campi di attività continuano a dimostrarsi efficaci. L'espansione dell'attività di previdenza e investimento si riflette nell'ottimo risultato da operazioni su commissione e da prestazioni di servizio, aumentato ben di CHF 85.0 milioni (+18.8 per cento) rispetto all'esercizio precedente, per un totale di CHF 536.1 milioni. Complice l'andamento positivo della borsa, le transazioni in titoli hanno registrato un forte aumento e nell'esercizio in rassegna gli afflussi nell'attività di previdenza e investimento del Gruppo sono stati elevati. Anche il risultato da attività di negoziazione è aumentato di CHF 29.9 milioni (+13.9 per cento), attestandosi a CHF 244.6 milioni. Negli altri risultati ordinari, i maggiori proventi da partecipazioni e la vendita di immobilizzazioni finanziarie hanno garantito un apporto di CHF 91.4 milioni (+93.8 per cento). I ricavi d'esercizio hanno guadagnato CHF 323.2 milioni (+10.6 per cento) passando a CHF 3.4 miliardi.

Costi in rialzo generati dagli investimenti nella strategia del Gruppo

Nel periodo in rassegna i costi d'esercizio sono aumentati come previsto di CHF 78.0 milioni (+4.3 per cento) a CHF 1.9 miliardi. Una voce di costo in crescita ha riguardato le spese per il personale, in aumento di CHF 54.7 milioni (+4.1 per cento). Il fabbisogno aggiuntivo di personale nel 2021 è legato all'attuazione della strategia del Gruppo e alla decisione delle Banche Raiffeisen di potenziare il servizio di consulenza locale ai clienti avvalendosi di personale aggiuntivo. Anche gli altri costi d'esercizio sono aumentati di CHF 23.3 milioni (+4.9 per cento); durante l'esercizio precedente la pandemia non aveva infatti permesso di organizzare eventi, ma questa voce di spesa è nuovamente cresciuta nell'esercizio 2021. È aumentato inoltre il fabbisogno di servizi e consulenze esterne per la realizzazione di progetti collegati in genere all'attuazione della strategia del Gruppo.
Nonostante l'aumento dei costi, la produttività del Gruppo è migliorata. Grazie al significativo aumento dei proventi a fronte di una più contenuta crescita dei costi, il Cost Income Ratio è migliorato dalla chiusura dell'esercizio precedente, scendendo dal 59.4 per cento al 56.0 per cento. Gli ammortamenti su immobilizzazioni materiali, le rettifiche di valore su partecipazioni e gli accantonamenti sono stati nettamente inferiori nell'esercizio in rassegna. L'attività operativa solida abbinata a effetti non ricorrenti positivi nelle partecipazioni ha contribuito a un risultato d'esercizio elevato di CHF 1.3 miliardi, con un incremento di CHF 300.8 milioni (+31.1 per cento) rispetto all'esercizio precedente.

Sicurezza e solidità finanziaria

Grazie alla sua ottima gestione, il Gruppo Raiffeisen ha conseguito un risultato eccellente. La redditività operativa non ha subito cedimenti: l'utile del Gruppo a CHF 1.07 miliardi raggiunge un valore record, con un aumento di CHF 208.1 milioni sull'esercizio precedente (+24.2 per cento). Il 94 per cento circa dell'utile del Gruppo viene capitalizzato al fine di aumentare le riserve e la base di capitale, il che contribuisce a rafforzare ulteriormente la sicurezza e la solidità del gruppo bancario cooperativo.

Conto economico

Ricavi da attività bancaria operativa

I ricavi da attività bancaria operativa hanno registrato uno sviluppo molto positivo. Tutte le voci di ricavo sono migliorate e i ricavi netti hanno registrato una forte crescita di CHF 323.2 milioni (+10.6 per cento), per un totale di CHF 3.4 miliardi.

Operazioni su interessi

In un contesto di tassi persistentemente bassi e di forte concorrenza nelle operazioni ipotecarie, le operazioni su interessi, che rappresentano la principale voce di ricavo del Gruppo Raiffeisen, restano sotto pressione. Nonostante questi fattori, una gestione attiva e prudente del bilancio e l’aumento dei volumi ha comunque permesso di migliorare il risultato lordo da operazioni su interessi di CHF 52.3 milioni (+2,2 per cento) a complessivi CHF 2.4 miliardi. Mentre nell’esercizio precedente era stato rilevato un fabbisogno leggermente superiore di rettifiche di valore sulla base di una stima prudente dei rischi legata alle prospettive economiche incerte, la ripresa dell’economia nell’esercizio in rassegna ha portato a uno scioglimento netto delle rettifiche di valore per le operazioni su interessi per CHF 12.1 milioni. Rispetto al valore netto nell’esercizio precedente, la posizione «Variazioni delle rettifiche di valore condizionate dal rischio di perdita e perdite da operazioni su interessi» è diminuita di CHF 64.6 milioni nell’esercizio in rassegna ( allegato 15). Le rettifiche di valore per rischi di perdita restano dunque molto modeste rispetto al totale dei prestiti, appena lo 0.118 per cento (esercizio precedente: 0.130 per cento). Il risultato netto da operazioni su interessi è aumentato nel complesso di CHF 116.9 milioni (+5.1 per cento) rispetto all’esercizio precedente, attestandosi a CHF 2.4 milioni.

Operazioni su commissione e da prestazioni di servizio

Le operazioni su commissione e da prestazioni di servizio hanno registrato un andamento molto solido ( allegato 23). Il relativo risultato di CHF 536.1 milioni con un incremento di CHF 85.0 milioni (+18.8 per cento) è imputabile soprattutto alla forte attività d’investimento e alle operazioni su titoli. L’importo dell’esercizio precedente viene così ancora una volta superato di ampia misura. Vi hanno contribuito il sostanzioso aumento nel numero di transazioni in titoli e gli elevati afflussi nell’attività previdenziale e d’investimento registrati dal Gruppo e favoriti dall’andamento positivo della borsa. I depositi relativi ai piani di risparmio in fondi sono cresciuti del 37 per cento circa in termini di volume e del 29 per cento in termini numerici. I depositi di previdenza sono aumentati invece del 39 per cento in termini di volume e del 52 per cento in termini numerici. Nei mandati di gestione patrimoniale, la crescita nei volumi e nel numero dei nuovi depositi ha superato il 120 per cento. Questi dati danno risalto alla competenza del Gruppo Raiffeisen in materia di previdenza e di investimenti. Dimostrano inoltre che gli sforzi compiuti verso la diversificazione dei ricavi sono efficaci. La quota delle operazioni su interessi sul risultato netto ha continuato a diminuire negli ultimi anni, mentre è aumentata quella delle operazioni su commissione e da prestazioni di servizio. Questa tendenza si è accentuata rispetto all’esercizio precedente da quando viene attuata la strategia. Le iniziative strategiche di rafforzamento dell’attività di previdenza e investimento dovrebbero favorire questo sviluppo anche in futuro, nell’ambito della realizzazione della strategia del Gruppo «Raiffeisen 2025».

Attività di negoziazione

Anche il risultato da attività di negoziazione ( allegato 24 ) del Gruppo Raiffeisen è cresciuto. Il risultato da attività di negoziazione e dall’opzione fair value ammonta in totale a CHF 244.6 milioni, in aumento di CHF 29.9 milioni (+13.9 per cento). L’apporto maggiore è principalmente dovuto all’evoluzione positiva delle operazioni su divise. Rispetto al risultato meno brillante dell’esercizio precedente, durante il quale i viaggi sono stati fortemente limitati dalla pandemia e si sono quindi svolte meno transazioni con l’estero, le operazioni su divise hanno ripreso slancio nell’esercizio in rassegna e garantito proventi maggiori.

Altri risultati ordinari

Ai ricavi d’esercizio elevati hanno contribuito anche gli altri risultati ordinari, che hanno registrato un forte aumento di CHF 91.4 milioni (+93.8 per cento) a CHF 188.7 milioni. I proventi sono aumentati per effetto della vendita di immobilizzazioni finanziarie e grazie all’aumento di CHF 41.6 milioni nei proventi da partecipazioni rispetto all’esercizio precedente ( allegato 25). In particolare è stato registrato un apprezzamento importante della partecipazione in Leonteq AG valutata secondo il metodo dell’equivalenza (equity method) in seguito allo sviluppo positivo dell’azienda.

Costi d'esercizio

Nei costi d'esercizio si è registrato un aumento sia nei costi per il personale che nei costi per il materiale. Rispetto all'esercizio precedente, questi costi sono aumentati nel complesso di CHF 78.0 milioni (+4.3 per cento) a CHF 1.9 miliardi. L'aumento dei costi è il risultato di una scelta consapevole e necessaria nell'ambito degli investimenti effettuati per l'attuazione della strategia del Gruppo ed è in linea con le previsioni.

Costi per il personale

I costi per il personale ( allegato 27) sono aumentati di CHF 54.7 milioni (+4.1 per cento) a CHF 1.4 miliardi. Nell’esercizio in rassegna gli effettivi sono cresciuti di 237.2 unità a tempo pieno, passando a 9’728.8 posti di lavoro a tempo pieno. Risorse supplementari sono state necessarie per realizzare le iniziative collegate alla strategia del Gruppo. È stato potenziato anche il personale delle Banche Raiffeisen dedicato all’assistenza e alla consulenza dei clienti, allo scopo di ampliare le competenze disponibili nelle varie sedi.

Altri costi d'esercizio

Gli altri costi d’esercizio ( allegato 28) sono aumentati di CHF 23.3 milioni (+4.9 per cento) a CHF 503.0 milioni. Nell’esercizio precedente, i costi relativi alle assemblee generali e agli eventi per i clienti avevano subito una forte contrazione dovuta alla pandemia. Nell’esercizio in rassegna sono stati assegnati agli altri costi d’esercizio i costi di nuovo in crescita per assemblee generali ed eventi tenuti nell’esercizio 2021. Inoltre, i progetti collegati all’attuazione della strategia del Gruppo «Raiffeisen 2025» hanno comportato un aumento della domanda di servizi e consulenze esterne.

Rettifiche di valore su partecipazioni nonché ammortamenti su
immobilizzazioni materiali e valori immateriali

Le rettifiche di valore su partecipazioni e gli ammortamenti su immobilizzazioni materiali e valori immateriali sono diminuiti di CHF 56.5 milioni (–20.6 per cento), passando a CHF 217.4 milioni. Gli ammortamenti su immobilizzazioni materiali si sono ridotti di CHF 12.0 milioni, mentre gli ammortamenti su partecipazioni e goodwill sono diminuiti di CHF 45.4 milioni. Nell'esercizio in rassegna le rettifiche di valore su partecipazioni sono state molto inferiori all'esercizio precedente, in cui era ancora contabilizzata una ingente rettifica di valore negativa sulla partecipazione in Viseca Holding SA valutata secondo il metodo dell'equivalenza.

Variazioni di accantonamenti e altre rettifiche di valore nonché perdite

La posizione «Variazioni di accantonamenti e altre rettifiche di valore nonché perdite» ( allegato 15) ha registrato un aumento di CHF 0.8 milioni (+36.3 per cento), pur rimanendo complessivamente a un livello basso di CHF 3.1 milioni. Per questa voce non vi sono state importanti nuove costituzioni di accantonamenti e rettifiche di valore.

Risultato d'esercizio

Grazie all'ottimo andamento dell'attività operativa e agli effetti non ricorrenti delle partecipazioni, il risultato d'esercizio 2021 di Raiffeisen è aumentato di CHF 300.8 milioni a CHF 1.3 miliardi.

Ricavi e costi straordinari

Nei ricavi straordinari di CHF 8.6 milioni è compreso in particolare un utile derivante da alienazioni di immobilizzazioni materiali per CHF 7.5 milioni. Nei costi straordinari di CHF 0.9 milioni sono registrate, quale principale voce singola, perdite derivanti da alienazioni di immobilizzazioni materiali per oltre CHF 0.7 milioni.

Imposte

Gli oneri fiscali ( allegato 30) sono aumentati di CHF 63.7 milioni (+53.4 per cento) rispetto all’esercizio precedente, attestandosi a CHF 183.0 milioni. La chiusura annuale del Gruppo Raiffeisen comprende accantonamenti per imposte differite che permettono di rappresentare in modo fiscalmente corretto l’effetto fiscale delle differenze di valutazione tra la chiusura true and fair view del Gruppo e le chiusure singole delle società consolidate. In virtù della riforma fiscale per le imprese, nel 2020 è stato possibile applicare aliquote fiscali più basse per il calcolo delle imposte differite. Una parte degli accantonamenti per le imposte differite è stata sciolta di conseguenza e l’onere fiscale complessivo dell’esercizio precedente è risultato quindi basso. Nell’esercizio in rassegna, l’ottimo risultato ha comportato necessariamente un aumento degli oneri per le imposte differite. L’onere fiscale effettivo è aumentato di CHF 13.5 milioni rispetto all’esercizio precedente.

Bilancio

L'elevata crescita di bilancio di CHF 24.8 miliardi (+9.6 per cento) a CHF 284.5 miliardi è soprattutto il risultato degli elevati afflussi nei depositi della clientela che hanno avuto un effetto positivo sulla liquidità del Gruppo Raiffeisen.

Crediti e impegni nei confronti di banche

I crediti nei confronti di banche sono diminuiti di CHF 791.3 milioni (–19.6 per cento) a CHF 3.2 miliardi, mentre gli impegni nei confronti di banche hanno registrato un forte aumento di CHF 5.4 miliardi (+50.7 per cento) a CHF 15.9 miliardi. Queste posizioni sono in genere esposte a forti oscillazioni alla data di chiusura, legate alla gestione attiva del bilancio e della liquidità.

Crediti e impegni risultanti da operazioni di finanziamento di titoli

Le operazioni di finanziamento di titoli sono soggette anch'esse, a seconda delle esigenze della gestione della liquidità, a maggiori oscillazioni. Nell'esercizio in rassegna e in quello precedente, il bilancio del Gruppo Raiffeisen non ha evidenziato crediti risultanti da operazioni di finanziamento di titoli. Ai fini della gestione attiva della liquidità, nel 2021 sono stati incrementati di CHF 3.3 miliardi (+78.2 per cento) gli impegni risultanti da operazioni di finanziamento di titoli, che si elevano a CHF 7.5 miliardi.

Prestiti alla clientela

La crescita nel core business è proseguita e i crediti ipotecari sono aumentati di CHF 6.0 miliardi (+3.2 per cento) a CHF 196.4 miliardi. L'aumento è lievemente superiore all'esercizio precedente, ma in linea con il mercato che è cresciuto del medesimo ordine di grandezza. La quota di mercato è rimasta stabile al 17.6 per cento. La crescita al passo con il mercato è in sintonia con la strategia del Gruppo ed espressione della politica dei rischi prudente. Per quanto concerne l'esposizione di credito con garanzia immobiliare, la quota principale pari all'87 per cento circa riguarda stabili abitativi con un basso anticipo netto medio del 60 per cento.
I crediti nei confronti della clientela sono in lieve flessione e hanno registrato una riduzione di CHF 45.4 milioni (–0.5 per cento) a CHF 10.0 miliardi complessivi. Nell'esercizio precedente questa posizione esibiva una crescita superiore alla media a causa dei crediti Covid-19 concessi alle PMI svizzere nell'ambito del programma di garanzia della Confederazione e dei cantoni. I crediti Covid-19 non ancora rimborsati sono diminuiti al netto di circa CHF 280 milioni rispetto alla fine dell'esercizio precedente, mentre è aumentata contestualmente l'attività ordinaria del settore clientela aziendale. La quota di crediti scoperti della clientela aziendale (esclusi gli enti di diritto pubblico) ammonta al 2.4 per cento ed è quindi sempre molto bassa.
Le rettifiche di valore per rischi di perdita relativi a crediti compromessi ammontano a CHF 243.0 milioni e restano quindi molto basse. Sul volume complessivo dei crediti, queste rettifiche corrispondono allo 0.118 per cento (esercizio precedente: 0.130 per cento).
In ottemperanza alle nuove disposizioni della Circolare FINMA 2020/1 «Direttive contabili – banche» in materia di costituzione di rettifiche di valore e accantonamenti nel quadro della prevenzione dei rischi di perdite latenti, Raiffeisen ha costituito rettifiche di valore per perdite attese su prestiti alla clientela non compromessi pari a CHF 493.2 milioni. Raiffeisen ha alimentato queste nuove rettifiche di valore con un trasferimento dalle riserve da utili senza effetto sul risultato al 1° gennaio 2021 e le ha compensate direttamente e integralmente con i crediti in bilancio. Dal 31 dicembre 2021 sono presenti rettifiche di valore per perdite attese su prestiti non compromessi pari a CHF 482.3 milioni.

Attività di negoziazione

La consistenza delle attività di negoziazione ( allegato 3) è diminuita di CHF 470.7 milioni (–15.5 per cento) passando a CHF 2.6 miliardi. Considerato il carattere di breve termine delle attività di negoziazione, il relativo volume è in genere soggetto a forti oscillazioni a seconda del giorno di riferimento.

Immobilizzazioni finanziarie

Nelle immobilizzazioni finanziarie ( allegato 5) sono contenute principalmente obbligazioni di prim’ordine, gestite presso Raiffeisen Svizzera in conformità ai requisiti legali di liquidità e agli obiettivi di liquidità interni. La gestione delle immobilizzazioni finanziarie segue anche un’ottica opportunistica che comporta oscillazioni talvolta forti. Nel 2021, le immobilizzazioni finanziarie sono diminuite di CHF 280.1 milioni (–3.2 per cento) a CHF 8.5 miliardi.

Partecipazioni non consolidate

Nell’esercizio in rassegna il valore contabile delle partecipazioni non consolidate ( allegato 6) è aumentato di CHF 40.8 milioni (+6.0 per cento) a CHF 724.1 milioni. L’aumento è dovuto principalmente all’apprezzamento della partecipazione in Leonteq AG, valutata secondo il metodo dell’equivalenza.

Immobilizzazioni materiali

La consistenza delle immobilizzazioni materiali ( allegato 8) ha registrato un lieve calo di CHF 14.4 milioni (–0.5 per cento) rispetto all’esercizio precedente, attestandosi a CHF 3.0 miliardi. L’ammontare dei nuovi investimenti è stato pari a CHF 200.3 milioni, l’importo è stato destinato in prevalenza a stabili a uso della Banca e altri immobili delle Banche Raiffeisen. Per contro, sono stati effettuati ammortamenti per CHF 199.9 milioni e disinvestimenti per CHF 14.8 milioni.

Investimenti netti a seconda delle categorie

in milioni di CHF20172018201920202021
Stabili a uso della Banca 76109928589
Altri immobili 105317636
Riattazioni e trasformazioni in locali di terzi 119263417
Informatica: hardware 1514162110
Informatica: software208157562415
Bancomat91215117
Mobilio46642
Installazioni8101064
Macchine da ufficio, veicoli, dispositivi di sicurezza313945
Totale investimenti netti344383247195185

Investimenti netti a seconda delle regioni

in milioni di CHF20172018201920202021
Regione lemanica1635273636
Regione Mittelland 3543382944
Svizzera nord-occidentale e Zurigo2959383926
Svizzera orientale1227217955351
Svizzera centrale 212140287
Ticino16891021
Totale investimenti netti344383247195185
1 Inclusi investimenti centrali di Raiffeisen Svizzera.

Valori immateriali

I valori immateriali ( allegato 9) includono il goodwill delle partecipazioni che riguarda principalmente la partecipazione in Leonteq AG. Nel 2021 Raiffeisen ha completato l’ammortamento del rimanente goodwill delle partecipazioni.

Impegni risultanti da depositi della clientela

I depositi della clientela sono cresciuti di nuovo considerevolmente nell'esercizio in rassegna, superando per la prima volta la soglia di CHF 200 miliardi. L'aumento nell'esercizio in rassegna rimane comunque lievemente più contenuto rispetto alla crescita eccezionale dell'esercizio precedente. Questa voce registra comunque un'evoluzione notevole e guadagna CHF 11.3 miliardi (+5.9 per cento), elevandosi a CHF 201.7 miliardi complessivi. La crescita dei depositi della clientela presso Raiffeisen è stata leggermente superiore al mercato, pertanto la quota di mercato di Raiffeisen è passata dal 13.8 per cento al 14.0 per cento.
Con il marcato aumento dei depositi della clientela a fronte di una crescita moderata dei prestiti è cresciuto anche il grado di rifinanziamento, dal 95.0 per cento al 97.8 per cento. La pressoché totalità dei prestiti alla clientela è coperta dai depositi della clientela.
Il patrimonio clienti, determinato dai depositi della clientela e dal volume di deposito, ha registrato una notevole crescita di CHF 19.3 miliardi (+8.5 per cento) a CHF 247.1 miliardi. I nuovi fondi netti affluiti nel settore retail si elevano a CHF 14.5 miliardi, a dimostrazione dell'elevata fiducia che i clienti ripongono nel Gruppo Raiffeisen.

Impegni da altri strumenti finanziari con valutazione fair value

Questa voce ( allegato 13) include i prodotti strutturati emessi da Raiffeisen Switzerland B.V. Amsterdam e valutati al valore di mercato. Gli impegni da altri strumenti finanziari con valutazione fair value sono cresciuti di CHF 37.4 milioni (+1.7 per cento), attestandosi a CHF 2.2 miliardi. A livello di bilancio, i prodotti strutturati emessi da Raiffeisen Svizzera sono trattati in modo diverso. Le loro componenti di base sono iscritte alla voce di bilancio «Mutui presso centrali d’emissione di obbligazioni fondiarie e prestiti» e commentate di seguito.

Mutui presso centrali d’emissione di obbligazioni fondiarie e prestiti

Nell’esercizio in rassegna la voce Mutui presso centrali d’emissione di obbligazioni fondiarie e prestiti ( allegato 14) ha registrato una crescita relativamente vigorosa di CHF 4.7 miliardi (+15.9 per cento), attestandosi a CHF 34.1 miliardi. I mutui in obbligazioni fondiarie sono aumentati di CHF 1.2 miliardi passando a CHF 25.7 miliardi. Le obbligazioni senior emesse da Raiffeisen Svizzera sono leggermente arretrate perché alcune di esse sono arrivate a scadenza. Nell’esercizio 2021, Raiffeisen Svizzera ha creato un programma per titoli del mercato monetario di diritto svizzero. Dal lancio nel gennaio 2021 sono stati emessi titoli del mercato monetario per CHF 3.2 miliardi. A rafforzamento della solida base di capitale di Raiffeisen, nel 2021 è stata emessa una nuova obbligazione Additional Tier 1 per un totale di CHF 300 milioni. Come nell’esercizio precedente, anche nel periodo in rassegna Raiffeisen ha collocato con successo in diverse tranche altre obbligazioni bail-in per la raccolta di fondi supplementari a copertura delle perdite, in conformità al regime di rilevanza sistemica. In totale sono state emesse nel 2021 obbligazioni per CHF 500 milioni.

Nel Gruppo Raiffeisen emettono prodotti strutturati sia Raiffeisen Switzerland B.V. che Raiffeisen Svizzera. Gli strumenti di base dei prodotti strutturati emessi da Raiffeisen Svizzera hanno subito una contrazione di CHF 0.4 milioni, attestandosi a CHF 1.4 miliardi. Le eccellenti condizioni di mercato hanno garantito un volume di negoziazioni soddisfacente e continuativo nel corso dell'intero esercizio. Nel contempo queste stesse condizioni favorevoli hanno agevolato un gran numero di rimborsi anticipati che non è stato possibile convogliare per intero in nuove strutture. La consistenza di tutti i prodotti strutturati del Gruppo Raiffeisen è diminuita di CHF 316.2 milioni, attestandosi a CHF 3.6 miliardi.

Accantonamenti

Gli accantonamenti sono diminuiti di CHF 34.4 milioni (–3.6 per cento) a CHF 933.1 milioni. Rispetto all'esercizio precedente, gli accantonamenti per imposte differite sono diminuiti di CHF 44.0 milioni. La consistenza degli accantonamenti per perdite attese ammontavano a CHF 31.6 milioni al 31 dicembre 2021, in ottemperanza alle nuove disposizioni della Circolare FINMA 2020/1 «Direttive contabili – banche», con un incremento di CHF 1.2 milioni dall'apertura dell'esercizio. Accantonamenti per CHF 20.6 milioni sono stati impiegati in conformità alla loro destinazione d'uso.

Fondi propri/capitale proprio

Il capitale proprio del Gruppo Raiffeisen (comprensivo delle quote minoritarie) è cresciuto nell’esercizio in rassegna di CHF 759.5 milioni (+4.1 per cento), passando a CHF 19.1 miliardi. Il capitale cooperativo ( allegato 16) è aumentato di CHF 172.6 milioni (+6.9 per cento) a CHF 2.7 miliardi grazie alla costante domanda di quote sociali sia per prime sottoscrizioni che per sottoscrizioni multiple. La solidità della domanda dimostra l’immutata fiducia riposta nel modello cooperativo di Raiffeisen. La quota di capitalizzazione elevata del 94 per cento permette di rafforzare in misura significativa la base di fondi propri. La quota TLAC è cresciuta al 23.4 per cento e quindi soddisfaceva pienamente al 31 dicembre 2021 sia i requisiti transitori del 15.4 per cento, sia i requisiti definitivi del 18.8 per cento che entreranno in vigore al 1°gennaio 2026. Lo stesso vale per il – leverage ratio TLAC del 7.4 per cento, che soddisfa appieno sia i requisiti correnti del 5.2 per cento, sia quelli futuri del 6.0 per cento.
Nel 2019 la FINMA ha autorizzato Raiffeisen ad applicare per il calcolo regolamentare dei fondi propri l’approccio modello IRB a partire dal 30 settembre 2019. L’autorizzazione si intende subordinata al rispetto di disposizioni transitorie floor. Fino al momento in cui si applicherà per intero l’approccio modello IRB a fine 2022, trovano applicazione disposizioni transitorie triennali con computo per il momento ridotto.

Previsione finanziaria 2022

La situazione pandemica causata dal Covid-19 è migliorata sensibilmente, ma il contesto di mercato rimane difficile a causa della guerra in Ucraina, che ha provocato un forte aumento dei prezzi a livello globale per le derrate alimentari e soprattutto per il petrolio e il gas naturale. In ragione dei limitati rapporti economici diretti con l'Ucraina e la Russia, Raiffeisen ritiene che l'economia svizzera non subirà contraccolpi eccessivi. Rimangono quindi positive le prospettive di un altro esercizio con risultati solidi per il Gruppo bancario, naturalmente a condizione che la guerra non si estenda e che non si verifichino strozzature gravi nell'approvvigionamento energetico in Europa. All'estero l'inflazione elevata sta costringendo le banche centrali a normalizzare rapidamente la loro politica monetaria espansiva, il che accentua il clima d'incertezza. Per il momento la Banca nazionale svizzera non seguirà questa strada, in quanto la pressione sui prezzi è meno forte in Svizzera, grazie alla forza del franco. Nondimeno, i tassi sul mercato dei capitali aumentano anche in Svizzera, causando un rincaro nelle condizioni di finanziamento che rimangono comunque abbastanza favorevoli rispetto all'andamento di lungo periodo. Soprattutto nel segmento delle abitazioni primarie ciò probabilmente comporterà, in combinazione con un'offerta scarsa, un ulteriore aumento dei prezzi degli immobili. La dinamica dei prezzi tenderà tuttavia a smorzarsi, poiché i requisiti relativi a capitale proprio e sostenibilità limitano sempre più la cerchia degli acquirenti.

Andamento degli affari del Gruppo Raiffeisen

Raiffeisen è ben posizionata e ha iniziato il 2022 da una posizione di forza. Attraverso un'applicazione coerente della strategia del Gruppo «Raiffeisen 2025» sarà possibile diversificare ulteriormente la base dei proventi. Nell'esercizio entrante si vogliono migliorare ancora i ricavi delle operazioni su commissione e da prestazioni di servizio puntando sull'ulteriore professionalizzazione delle attività di previdenza e d'investimento. Il contesto di mercato rimarrà difficile, anche a causa dei tassi persistentemente bassi. Raiffeisen prevede una lieve contrazione dei ricavi nelle operazioni su interessi rispetto al valore elevato raggiunto nel 2021. Sul fronte dei costi, Raiffeisen prevede costi d'esercizio più elevati a causa della crescita e dei più ingenti investimenti richiesti per attuare la strategia del Gruppo.